buio

Corridoi. Stretti.

Giorni di progetti e discussioni, analisi e considerazioni. Dubbi, incertezze, delusioni e desideri. Alterno rabbia cieca e indecisione, rassegnazione e tristezza. Per fortuna le ferie si avvicinano, altri 7 giorni e poi mi immergo nel nulla della quotidianità. Dimentico questi corridoi, queste parole e il vuoto che mi circonda.

Incubi a occhi aperti

L’elenco delle staffilate al mio (scarso) amor di patria continua ad allungarsi. Ogni colpo riacutizza i precedenti, rendendo l’insieme insopportabile. Continuo a coltivare (inutilmente, ahimè) il sogno di fuggire da questo Paese incapace di pensiero, pecora (con tutto il rispetto per il caro ruminante), adoratore della furbizia e della stupidità, superficiale, arrogante, volgare e irresponsabile. Continue reading Incubi a occhi aperti