aziendalismi

Basta.

Ai maleducati. Ai sarcastici. Agli arroganti. Ai volgari. Agli espertichevoinonsapetechisonoio. A quelli che si lamentano comunque anche se gli hai risolto un problema. Ai frustrati cresciuti a mentalità da curva e l’insulto sempre pronto. A quelli che hanno sempre la soluzione geniale a cui tu non hai mai pensato. A quelli che sanno meglio di Continue reading Basta.

Faccio un lavoro difficile.

Faccio un lavoro difficile.

Mesi. Sono mesi che non riesco a buttare giù due righe sensate che non siano su slide, documenti, email ufficiali o tweet. Afflitta da aridità post social network, ho sempre più difficoltà a dare forma ai pensieri in maniera compiuta. Ormai vivo di lanci, acronimi e contrazioni; comunico in 140 caratteri. Colpita dall’anatema dell’immediatezza, non Continue reading Faccio un lavoro difficile.

Corridoi. Stretti.

Giorni di progetti e discussioni, analisi e considerazioni. Dubbi, incertezze, delusioni e desideri. Alterno rabbia cieca e indecisione, rassegnazione e tristezza. Per fortuna le ferie si avvicinano, altri 7 giorni e poi mi immergo nel nulla della quotidianità. Dimentico questi corridoi, queste parole e il vuoto che mi circonda.

Un patibolo con tutti i comfort

In viaggio sul Frecciarossa, Arianna ed io, direzione Milano, Social Media Week. In due sommiamo 2 iPad, 2 iPhone (il mio è un vecchio 3Gs ma tant’è), svariate pagine di dati e considerazioni autorevolissime stampate da web, un manuale dell’Harvard Business Review sul Mktg 2.0, una Moleskine di Google nuova di pacca e una vissutissima, Continue reading Un patibolo con tutti i comfort

Della dura realtà. Ma in fondo va bene così.

Insomma, il blog “professionale” proprio non mi sta, tira da tutte le parti. Fa difetto sul fianco, schiaccia (possibile?) quei quattro etti di improbabile materia soprasternale, è troppo corto (e ormai s’è fatta ‘na certa, ah signora mia che tristezza), il colore mi sbatte e comunque nell’insieme mi fa il sedere grosso. Allora. Ecco. Mesi Continue reading Della dura realtà. Ma in fondo va bene così.